Simboli, Archetipi ed Energie
Comprendere e usare le energie archetipiche

Nilo: l’archetipo del Dio Fiume
di Manuela Caregnato

“Affettuosamente guardò il fluir dell’acqua, in quel suo verde trasparente, nelle linee cristalline del suo disegno pieno di segreti.
Perle leggere vedeva salire dal profondo, tranquille bolle d’aria galleggiavano alla superficie, e l’azzurro del cielo vi si rifletteva. E anche il fiume lo guardava a sua volta, coi suoi mille occhi verdi, bianchi e cristallini, azzurri come il cielo.
Quest’acqua lo affascinava: quanto l’amava, come le era riconoscente!
Udiva in cuore parlare la voce ora ridesta ed essa gli ripeteva: ama quest’acqua, resta con lei! Impara da lei! Oh si, voleva ascoltarla, da lei voleva imparare!
Chi fosse riuscito a comprendere quell’acqua e i suoi segreti- così gli pareva- avrebbe compreso anche molte altre cose, molti segreti, tutti i segreti….. quest’acqua correva, correva, sempre correva, eppure era sempre lì, era sempre e in ogni tempo la stessa, eppure in ogni istante un’altra!
Oh, chi potesse afferrar questo mistero, comprenderlo…”

Tratto da “Siddharta”, di H. Hesse

Il Fiume: acqua di vita

Da sempre il Fiume ha rappresentato per l’umanità, come anche per il mondo animale e vegetale, un sinonimo di vita, fertilità e ricchezza.
Dall’antichità ad oggi le acque dolci dei fiumi che percorrono la crosta terrestre hanno attratto le più importanti civiltà, che hanno scelto di sorgere sulle loro rive e lì prosperare.
Le acque dei fiumi hanno reso fertili le terre irrigandole, hanno fornito cibo sicuro, acqua per dissetare gli uomini ed abbeverare gli animali, ed hanno anche costituito un comodo mezzo di comunicazione per spostarsi da un luogo all’altro tramite le imbarcazioni.

Ma il fiume è molto più di questo…

Esso è la più meravigliosa metafora di tutto ciò che nasce, scorre e si trasforma.
Acqua è il suo elemento, qualcosa che ha a che fare con l’origine di tutte le cose. L’elemento che accoglie la vita nel grembo materno, che conduce sentimenti ed emozioni, e tutto ciò che appartiene al misterioso regno del “sentire”.
L’elemento che si adatta a ciò con cui viene a contatto, prendendone la forma, ma al contempo lasciando il suo inconfondibile segno, fatto di quella cedevole e morbida forza, che si incontra esattamente quando si smette di lottare.
Acqua che scorre, percorsa da mille correnti, ricca di vita, mutevole e creativa, l’acqua del fiume è animata, nel senso che ha un’anima e ricorda l’acqua dei Pesci, il segno più spirituale di tutto lo zodiaco, l’ultimo, il traguardo più elevato.
Così il fiume nasce da una sorgente che spesso si trova nell’alto di qualche montagna, originata dallo scioglimento dei ghiacciai.
Da qui inizia il suo scorrere verso valle, a tratti lento a tratti tumultuoso, che lo porta solitamente ad allargarsi ed espandersi a mano a mano che il paesaggio si fa più pianeggiante. Di solito segue la morfologia della valle che attraversa, adattandosi al terreno, aggirando gli ostacoli che incontra, ma al contempo trasformandolo, attraverso un lento processo di erosione.
Empatico, ricettivo, ma determinato, il fiume come un maestro ci mostra nel suo inarrestabile fluire, che si può vincere anche cedendo.
Nel suo percorso che lo conduce verso le terre più basse, gli accade di divenire cascata o lago, a tratti persino ruscello, per poi tornare semplicemente fiume, in un continuo processo di metamorfosi e di trasformazione che è l’ essenza profonda della sua natura.
Lungo la strada incontra altri corsi d’acqua, i cosiddetti affluenti, con cui si unisce diventando unico fiume, che a sua volta darà vita a nuovi defluenti che come figli del fiume prenderanno nuovi corsi, e un loro nome.
Ma qualsiasi sia il suo corso, la sua lunghezza o la portata delle sue trasformazioni, inarrestabile è il suo cammino, che dolcemente lo conduce verso il mare, dove compie la sua trasformazione finale, lasciando che la sua identità di fiume si perda (o si ritrovi) nell’infinito.

Divenuto mare, parte di quell’acqua evaporerà sotto i raggi del sole per ritornare pioggia che ricadrà sui monti e sui ghiacciai, per ritornare nuovamente fiume, in una circolarità che ricorda il senso stesso di tutto ciò che esiste, e il nostro divenire, vita dopo vita.

Il Nilo

Ho dato a mio figlio il nome Nilo prima ancora di incontrarlo, prima di sapere chi fosse, e quale età avesse.
Ma pochi giorni prima di ricevere la telefonata con cui ci veniva annunciato che c’era un bambino che aspettava proprio noi, ebbi la visione mattutina di un fiume che nasce da una sorgente di montagna e scorre verso il mare.
Quella fu la prima connessione con lui, che poi scoprii essere nato in Vietnam il 13 luglio del 2006 (Cancro con 4 pianeti in acqua, N. N. in pesci), sulle rive di un altro grande fiume, il Fiume Rosso.
E il cuore mi suggerì questo nome… Nilo, il fiume della vita, il fiume che trasforma in oasi la sabbia del deserto, il fiume più bello e più grande del mondo.
E a lui, il mio adorato bambino, con immenso amore, dedico questa ricerca.


Antico Inno al Nilo
Salute a te, o Nilo che sei uscito dalla terra,
che sei venuto per far vivere l’Egitto!…
Prospero il tuo venire,
prospero il tuo venire,
o Nilo, prospero il tuo venire.
Tu vieni (in Egitto) per far vivere gli uomini e il bestiame
con i tuoi prodotti dei campi.
Prospero il tuo venire,
prospero il tuo venire, o Nilo!




Gli antichi attribuirono ai loro fiumi un’importanza ed una sacralità che persino le aggressioni della civiltà moderna non hanno potuto cancellare.
Parecchi sono i fiumi che l’uomo considera Sacri, tra cui i più noti il Gange ed il Giordano, le cui acque si considerano sante e che tuttoggi sono luoghi di culto ove si svolgono cerimonie religiose.
Ma ai miei occhi il fiume più suggestivo, carico di simbolismi e di un fascino che trascende la sua incredibile bellezza è il Nilo, il fiume più lungo del mondo, il più misterioso.
Gli antichi Egizi lo consideravano “l’inizio del mondo” ed in effetti a lui si deve lo straordinario fiorire di quell’affascinante civiltà, vera culla del Mediterraneo.
Avevano una tale venerazione per le acque del loro fiume, da identificarle con lo spirito del Dio “Hopy” , in onore del quale costruivano monumenti colossali.
Di fatto l’Egitto e tutta la maestosa civiltà faraonica non sarebbero potute esistere senza questo fiume, che con il limo ha fertilizzanto per secoli e secoli il deserto trasformando i due bordi del suo percorso in una lunghissima oasi, un granaio di riso, cotone, frumento, papiro e verdissime palme.

Più tardi il filosofo greco Erodoto disse:
L'Egitto è "dono del Nilo". Il lunghissimo fiume, che nasce nei monti d'Etiopia, scende a valle aprendosi la strada per centinaia e centinaia di chilometri nel deserto africano, fino a sboccare con ampio delta nel Mediterraneo. Lungo tutto il suo corso la terra, fecondata dall'acqua, fa fiorire la vita.

Ed infatti ieri come oggi, questa terra strappata al deserto deve la sua esistenza a questa striscia d’acqua che l’attraversa, formando quella che viene chiamata la valle del Nilo.

Ma il Nilo è molto più di questo…

Come per la vita di un uomo, in cui la sua storia ci racconta e ci rivela di lui, così per il fiume la sua storia, il suo corso, ci raccontano la sua natura.

Sebbene la sua fama sia strettamente collegata alle piramidi e ai faraoni, il Nilo, non alimenta solo l’anima dell’Egitto ma quella di ben 7 nazioni.
Con i suoi 6671 Km esso è il fiume più lungo del mondo, e di sicuro la più straordinaria sintesi metaforica di tutto ciò che significa essere un fiume, anzi “il fiume”.

Esso è infatti il fiume della storia egiziana e del Mosè degli ebrei, ma anche e soprattutto il fiume dai mille volti sconosciuti, che lega e intreccia il suo destino a quello di centinaia di milioni di persone e popoli, di terre e di animali selvatici.
Nel cuore dell’Africa più nera e selvaggia, nella giungla e nella savana, le acque del Nilo sgorgano e prendono linfa dal luogo della terra dove la natura è più incontaminata e primordiale, trasportandone la memoria fino al Mediterraneo.

Le sue sorgenti rimasero lungamente sconosciute e tutt’oggi vi sono discordanti pareri su dove origini esattamente il più importante dei due rami del fiume, il Nilo bianco.

Una lapide ai bordi del lago Vittoria avverte il visitatore che da qui nasce il Nilo
this spot marks the place where from the Nile starts its long journey”.
Ma ben più lontano un’altra placca metallica su una piramide di pietra alle sorgenti del fiume Kagera, immissario del lago Vittoria, porta scritto : caput Nili.
E secondo i geografi proprio quel rigagnolo che sgorga dalla terra fertile del Burundi sarebbe la sorgente del Nilo, anche se a ben guardare il Kagera a sua volta prende vita ancor più a Sud, dove ci sono sorgenti del suo affuente Luvironza che si trovano sull’altopiano del Burundi.

Forse ci vide giusto Tolomeo, che nel II secolo d.c. scrisse:
“il Nilo ha come madre le Montagne della Luna, ossia i ghiacciai del Ruwenzori -colui che fa le pioggie- che con i suoi 5119 metri di quota è forse l’incipit del fiume”.

Ognuno scelga la sua sorgente preferita, per questo figlio della Terra e del Cielo.
Il Nilo osserva, e divertito sorride, mentre l’Africa degli elefanti, i serpenti, le giraffe, i leoni e i coccodrilli, gli scorre davanti nella sua bellezza ancora intatta.

Fatto stà che i primi zampilli del Nilo bianco toccano il Ruanda e la Tanzania per trasformarsi in vero fiume solo in Uganda, quando si stacca dal vastissimo lago, da cui prende il nome Nilo Vittoria.
Qui la natura è travolgente e selvaggia e le sue copiose cascate tagliano la gialla savana come lame blu.
Qui il paesaggio toglie il respiro per l’incanto e gli animali vivono in simbiosi con il Grande Fiume, in una pace assoluta.

Dall’Uganda, lasciandosi alle spalle la giungla impenetrabile, dopo un salto d’acqua grandioso, va a inoltrarsi verso il basso, per poi perdersi negli acquitrini del Sudan, dove si spezza in più rami dai nomi poetici: fiume delle gazzelle, fiume delle giraffe e fiume delle montagne.
Una realtà tanto romantica quanto drammatica, dilaniata da un ventennio di guerra tra cristiani e mussulmani, tra arabi e neri.
Finchè a Karthoum, il Nilo Bianco incontra le acque del Nilo Azzurro, l’altro ramo del fiume, il fratello che scende dagli altopiani etiopici e dal lago Tana e che il Nilo accoglie in sè.

Qui lo chiamano Abai, e nasce dal monte Giesc, in un angolo sperduto di Africa, con alberi giganteschi che circondano il lago Tana, in una delle terre più povere del pianeta, abitate da una comunità cristiana di fede medievale, scampata alle invasioni islamiche e qui rifugiatasi.
Da qui nasce il Nilo Azzurro, che deve il nome al colore delle sue acque, e scorre per 1610 km, prima di ricongiungersi con il fratello Nilo Bianco.
Vent’anni di guerra civile hanno fatto versare nelle acque del fiume le lacrime e il sangue di più di un milione e mezzo di morti.
Ma l’uomo è anche questo, il Fiume lo sa.
A Karthoum, dove i due rami del Nilo si incontrano, l’Africa nera si incontra a sua volta con il mondo arabo, l’animismo si confronta con l’islam, il Vangelo con il Corano, le pelli scure con quelle più chiare.
Il Nilo congiunge i mondi diversi, e saggio e silenzioso procede.
Si inoltra nella Nubia e si espande tra le sabbie sconfinate del deserto, che solenne attraversa, come una lama che luccica al sole.

Sabbie gialle e carovane di cammelli circondano ora le sue acque blu, dalle cui sponde si specchiano verdeggianti palmeti e papiri.
E finalmente giunge in Egitto, e si trasforma nel più grande bacino acqueo di tutta l’Africa, il lago Nasser.

Tutt’intorno è solo deserto, silenzio totale e templi dei faraoni, il più famoso Abu Simbel, smontato e spostato più in alto per sottrarlo alle acque innalzate dalla costruzione della diga di Assuan.
Qui le feluche solcano le acque dolci e fresche del grande fiume, dove l’intervento dell’uomo si fa via via più evidente.
Dalla Nubia a Luxor eleganti navi da crociera attraversano in tre giorni l’Egitto del mito, mostrando tutta la maestosità di ciò che resta della storia dei faraoni da Kom Ombo, a Edfu, a Esna fino a Luxor, un tempo capitale dell’antico Egitto con il nome di Tebe.
Proseguendo il Nilo attraversa un altro lungo tratto di deserto, direttamente a ridosso della Libia, il deserto delle oasi. Sembra un grande mare di sabbia e pare che un tempo vi fosse la savana, con leoni e gazzelle, prima che l’avanzamento del deserto coprisse tutti i resti di una civiltà primordiale.

Qui ogni 24 Giugno si festeggia l’ingresso di Gesù bambino in Egitto, sfuggito alla crudeltà di Erode, e anch’esso salvato dal Nilo.

E dopo quest’ultimo pezzo di strada, ecco che il Nilo, lento e solenne, fa il suo ingresso al Cairo, amplio come la città che bagna. Qui la sfinge assieme alle tre piramidi di Cheope, Chefren e Micerino assistono allo sviluppo indiscriminato di una città che cresce a dismisura fagocitando tutto ciò che trova.
Anche il Nilo, fonte di approvigionamento idrico della città, qui perde il suo fascino, in una totale
assenza di simbiosi tra l’uomo e l’acqua.
Quando finalmente sente che il Mediterraneo si avvicina, si allarga a dismisura nel delta e quasi lambisce Alessandria d’Egitto, la città di Cleopatra, la più meravigliosa sintesi tra la cultura greca ed egizia.
A testimoniare ciò la splendida biblioteca dalla forma futuristica di un ufo, circolare e interamente costruita in granito di Assuan, punto di contatto tra la cultura islamica e quella occidentale. Su una parete circolare di questo monumento al sapere sono incisi tutti gli alfabeti presenti e passati del pianeta.
Qui l’Africa nera si dissolve nella cultura classica e le acque del Nilo fanno da ponte tra due continenti.
Quale miglior conclusione per un viaggio che originato sulle Montagne della Luna, ha visto giungle e deserti, popoli dai più diversi usi e costumi, lingue e religioni, per sfociare alfine nel grande grembo del Mediterraneo, dove tutto si dissolve, si integra , si trasforma.

Una sintesi metaforica di cui solo il Nilo, il cui delta visto dall’alto somiglia ad un fior di loto, può essere artefice.

Dove l’Acqua si fa Geroglifico: amare

L'amore: un canale.




La donna egiziana con pozzo d’acqua fresca.


Nel paese caldo, dove l'Åcqua è la prima ricchezza, un poetico omaggio alla donna, onorata come gradevole sorgente di vita, amata di un amore costruttivo, paragonato al solco per il quale passa la forza essenziale dell’acqua.

Dove l’Acqua si fa Geroglifico: leggere

Leggere: avere un otre pieno d’acqua.



Come il liquido fresco che si trova nell’otre ristora il corpo così la lettura, gustata in silenzio, scaccia l’aridità dal cuore.


Bibliografia:
NILO di Aldo Pavan ed. Magnus


Testo e ricerca di Manuela Caregnato per http://www.ilcerchiodellaluna.it © 2007
Inserito nel sito www.ilcerchiodellaluna.it nel maggio 2007

 



Vuoi essere periodicamente informato delle novità sul sito del Cerchio della Luna e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente il nostro calendario lunare in omaggio.



Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   

 

 

Questa è una pagina protetta dalle copiature.
Abbiamo deciso di tutelare così le nostre pagine, originali e non, dall'uso scorretto su altri siti.
Il Cerchio della Luna non è contrario a cedere i suoi testi originali, purché non vengano smembrati e ne vengano citati gli autori, le fonti e la bibliografia… così come riportati in queste pagine.
Dunque, se vi interessa un nostro testo o una nostra ricerca originale, non esitate a scriverci chiedendoci un’autorizzazione e comunicandoci per quale uso vi serve, dove lo vorreste pubblicare e formulando l’impegno ad una corretta citazione.
L’indirizzo è: info@ilcerchiodellaluna.it