Galleria delle Dee
Incontrare le Dee/gli Dei attraverso storia, mito, immagini e racconti



Andre Maris

Di Marja Gimbutas (da "Le dee viventi)



La principale Dea basca venerata oggi è nota come Mari, spesso combinata con Andre, "Signora". Conserva altresì dei nomi locali derivanti dai punti in cui è solita apparire, spesso nei pressi di grotte: Signora di Anboto, Andre mari Munoko, cioé Signora Mari di Muno, Txindokiko Mari, cioè La Mari di Chindoqui, e altre. Si conoscono la sua immagine e le sue funzioni attraverso credenze ancor oggi tramandate nelle raccolte folcloristiche riccamente documentate.

Andre Mari assume molte delle caratteristiche della dea-maga preistorica della morte e rigenerazione. E'
anche la dea-avvoltoio, la dea delle tombe e la rigeneratrice che compare in una moltitudine di zoomorfismi, simili a quelli con cui si manifestava nel neolitico.
Il folclore basco ribadisce che era anche una profetessa che dominava i fenomeni naturali e vigilava sulla condotta morale. Benché l'inquisizione perseguitasse spietatamente le fedeli della Dea come streghe, la Dea scampò in qualche modo alla distruzione, qui come in altre zone del nord-europa, dove la basca Mari trova uno stretto parallelismo con la germanica Holla e la baltica Ragana.

Iconografia, miti e funzioni
La religione baltica considera gli inferi come il regno della Dea Mari. Fiumi di latte e miele scorrono nella sua terra meravigliosa, dove ogni cosa cresce in abbondanza. Gli inferi comunicano con il mondo superiore attraverso aperture: pozzi, grotte, crepacci.

Si riteneva che le anime dei morti talvolta uscissero dalle sinuose gallerie delle caverne e dai crepacci.
I fedeli lasciavano davanti alle grotte delle offerte in qualche occasione, per i morti e per la Dea, .

Mari in genere assume la forma di un uccello nella sua dimora infera: vola fuori dalle grotte come avvoltoio o corvo. Nella grande caverna di Supelegor, sul monte Itizine, compare sotto forma di avvoltoio insieme al suo seguito.

Le leggende dipingono Mari come una profetessa o un oracolo: I fedeli la invocavano nei pressi delle entrate delle grotte, dove sarebbe apparsa se la si fosse chiamata tre volte. Le sue grotte contengono un focolare o un forno per il pane, dal momento che si ciba di pane il venerdì. Compare all'ingresso di grotte tessendo il filo con una spoletta d'oro o pettinandosi i capelli con un pettine d'oro. Nella sua grotta di Annoto crea matasse di filo d'oro usando corna di montone come spoletta. Le dimore di Mari sono riccamente decorate con oro e pietre preziose, ma si dice che se i ladri ne rubano il tesoro e lo portano via, questo si trasforma in carbone o in legno fradicio. Queste legggende attribuisono alla Dea il potere di vanificare l'avidità umana e di trasformare magicamente le sostanze, un potere che possiedono anche i goblin, suoi avatar, che possono incrementare o diminuire le ricchezze.

Mari regge anche il codice giuridico: Lei stessa è la promulgatrice delle leggi, domina sulla vita comunitaria e vigila severamente affinché i suoi comandamenti vengano rispettati. Condanna la bugia, il furto, la tracotanza e la vanagloria, lo spergiuro e la mancanza di rispetto per le persone, le case e le proprietà. In questa dimensione, garantisce un alto livello di condotta morale.

Mari domina sui fenomeni naturali: la grandine, i venti, la siccità, i fulmini e le tempeste. Crea tempeste a e causa la siccità per castigare i disobbedienti e i malvagi. Appare mentre attraversa il cielo su un carro sotto forma di una donna che emette fiamme o che è avvolta nel fuoco. Talvolta cavalca una scopa o viaggia sulla groppa di un montone. In quanto incarnazione del fulmine, è spesso vista come una sfera (o un fascio) di fuoco, o come una falce o un bastone di fuoco. Il folclore narra che scaglia le sue saette dal fondo delle caverne. Scongiuri e offerte possono placare la Dea, e i baschi nel loro sincretismo religioso hanno anche celebrato messe cattoliche e compiuto esorcismi nei pressi delle bocche di alcune caverne. Se compiaciuta, protegge i suoi fedeli rinchiudendo i venti e le tempeste nel mondo infero.

Mari è associata con la luna. A tutt'oggi, le genti della provincia di Azcoitia la rappresentano come una donna con la testa avvolta nella luna piena. Questa credenza offre un collegamento fra la dea Mari e la dea greca Ecate-Artemide, che è anch'essa un'incarnazione della luna. Il folclore basco, che ci racconta della potenza di Mari sui fenomeni celesti, può suggerire informazioni riguardo a Ecate-Artemide, importante Dea dell'europa antica, che le fonti archeologiche non potrebbero offrire.

la prole di Mari
La mitologia basca ha conservato alcune figure mitologiche che possiedono nomi collegati a Mari e sono associate a pietre, tombe e antenati. Si tratta dei Mairi, dei Maide e dei Maindi. i Mairi sono i costruttori di Dolmen, strutture megalitiche che consistono di due pietre e un'architrave. I Maide sono spiriti maschi della montagna e costruttori di cromlech, antiche strutture che consistono in pietre che circondano un tumulo. I Maindi sono anime degli antenati che visitano di note le loro antiche dimore.

Tra gli altri consimili sono da annoverare le Laminak, che compaioni in foma umana, ma con i piedi di gallina, anatra o oca. Le Laminak elfiche si possono comparare con le Laumas baltiche: si tratta in entrambi i casi di estensioni dei poteri della Dea. Le Laminak sono le controparti femminili dei Miade. Aumentano e diminuiscono la ricchezza, assistono le donne laboriose e vigilano sul comportamento e sulla sessualità maschile. Le loro attività di costruttrici di tombe locali testimonia più di ogni altra cosa della loro profonda antichità e del loro legame con l'europa neolitica.


Tratto da: Le Dee Viventi, Marija Gimbutas, ed Medusa.1999

 


 Il Cerchio della Luna è anche su Facebook: vieni a trovarci!




Dee e Dei, in ordine alfabetico:

Aditi,
Afrodite
,
Al-Lat,
Al-Uzza,
Amazzoni,
Anahita,
Anna Perenna
,
Anat,
Anu/Ana
Arianrhod,
Arianna,

Artemide
,
Atena
,

Arpie,

Banshee,
Benzai-ten,
Bellona,
Blodeuwedd,
Baubo
,
Bastet
 
Babd
Brigid
,

Cailleach
Cerere,
Chere
,
Cibele
,
Coventina

Dakini
,
Demetra,
Durga

Ebe,
Ecate,
Eisantelechi,
Eostre,
Ereshkigal, Erinni,
Estia

Flora,
Freya,
Frigg,





Gaia,
Ganga

Gendenwita,
Gorgoni,

Hathor,
Holle,

Inanna,
Iside,
Ishtar,

Kali,
Kore,
Kwan-Yin,

Laima,
Lakshmi,
Lilith,

Macha,
Mafdet ,
Mamapacha,
Mari
Maria,
Maria Maddalena
,
Menat,
Medusa,
Morrigan
,

Ninfe,
Nut,

Oestara,
Oya,
Oshun
,

Pachamama,
Pele,
Persefone

Reitia,
Radha,
Rangda,

Saraswati,
Sekhmet,
Shakti,
Sophia,
Selene

Sequana

Themis

Ushas,

Valkirie,
Vesta,

Xochiquetzal,

Yemaya,

Zemyna,
Zwya

Ade
Apollo
Ares
Attis
Crono

Dioniso


Ermes
Giove Lugh
Lupercus

Marte
Mercurio

Nettuno

Pan
Plutone
Poseidone
Saturno
Urano

Zeus






Vuoi essere periodicamente informato delle novità
sul sito del Cerchio della Luna e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente
il nostro calendario lunare in omaggio.


Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   




Questa pagina del sito del Cerchio della luna è in regime di Copyleft: la riproduzione dei materiali presenti in questo sito è libera ed incoraggiata purché citando la fonte per esteso [nome del sito , dell'autore - e del traduttore - dell'articolo citato)