Femminile
Parole e versi che ci hanno ispirato nel mondo del femminile



Parole di Pancia, Parole dal Sacro Utero (2)
Progetto di Emanuela Pacifici*

Sei alla seconda pagina di Parole di Pancia:
Vai alla prima pagina.



Questo progetto è nato  come un canto antico che è sorto dal nostro stesso corpo.
Il Santo Graal, il Vaso di Pandora o Porta Alchemica non importa quale nome vogliamo darle, la nostra Pancia straripa di parole che hanno diritto alla nostra voce...




   

Il mio Utero è il riflesso in terra del Grande Utero Cosmico, è mio ed allo stesso tempo non mi appartiene, è la Casa di tutto ciò che sono, è la Casa dove ho ospitato le mie bambine, è la via dove le loro anime di Luce hanno intessuto il loro corpo ... è il ponte tra l'invisibile e visibile, è tutto ciò che semplicemente E', è il nominabile ed innominabile ... è il parto, è il sesso, è la morte, è la vita ... è la Casa del SO AM, IO SONO, è tutte le donne e nessuna poichè è il riflesso dell'Uno, dell'Origine ... è il sacro vaso e canale, è il silenzio nel caos.

Giulia Maria Mion

 
immagine Gloria Lizano Lópe

   

Il mio utero è la mente il mio utero è la luna diventa calore quando accoglie.. contiene il volume delle acque misteriose, regala sapore alla memoria, conduce alle voglie nascoste. Il mio utero diventa energia incontrollabile pulsa l'amore la rabbia il pianto il cuore...

Raffaella (Nèmàin Morrigan)

 
immagine Gloria Lizano López

   

Gli uomini hanno l'utero, ma non dentro....lo hanno come un intenso desiderio di ritornarci, vive in noi il ricordo del calore, della più bella culla che abbia mai prodotto questo pianeta
...io ci vorrei morire, dopo esserci nato.

Marco Orionis

 
 
Venus (in Utero) donata da Marco Orionis

   

Il mio utero è la memoria e la continuazione! Il mio utero è una conchiglia che ha trasformato un corpo estraneo in una perla meravigliosa e rara .. e guardandola vedo me in lei, vedo me e mia madre, vedo mia madre e mia nonna .. così a ritroso fin dove arriva l'immaginazione. Questa perla ha versato nel mio cuore l'Amore disinteressato, quello che la Madre nutre per tutti noi. Tutte le donne sono madri di qualcuno, questa è, secondo me, la grandezza di avere l'utero.

MamaRoots Dona

 
immagine Gloria Lizano López

   

E' il Cerchio protettivo, nido accogliente, riflesso dell'universo. Si dilata e adatta come l'Acqua! ... è caldo, amorevole e soffice come l'abbraccio della mamma... è la mamma! ... è la donna! ... è l'amante che accoglie il suo uomo e si dona completamente, avvolge completamente.
E' il calice dell'abbondanza, un dono meraviglioso da rispettare, proteggere e consacrare all'Amore….

Katia Piovan

 
 

   

Forza e Paura
Femminilità e Potere
Maternità e Speranza
Volontà e Istinto.

Francesca

 
 

   

Avvolgo di colori che intreccio e poi sciolgo.
Ovunque risplendono e dentro me stessa ritornano.

Gloria

 
 

 


immagine di Cerva Bianca
disegno fatto con il proprio sangue durante l'ultima luna nuova

 

Il mio utero è una caverna sanguinante.. Tra le sue pareti risuona la Voce della Dea, Eco della mia voce. Lì c’è tutto quello che ho bisogno di sapere nel momento in cui il mio Cuore chiede.
Dentro, c’è tutto quello che è stato, che è e che sarà.. Tutte le mie memorie, le mie ferite aperte, le mie cicatrici, ma soprattutto i miei talenti, il mio potere e il mio potenziale.
Il suo corpo è un tronco vivo, liscio, possente, pulsante, arrotolato su se stesso a spirale .. Le sue radici scendono profonde fino al Fuoco della Terra, dove traggono il nutrimento, ma la loro forma ricorda le onde dell’acqua.
La sua Vita e i suoi cicli coordinano azioni, pensieri, sentimenti, danze. È il filtro attraverso il quale percepisco il mondo e la sorgente di tutte le mie parole.
Testa – Cuore – Utero allineati, in collegamento, un flusso di ascolto e conoscenza continuo su e giù.
Troppo a lungo l’ho messo a tacere, o meglio me l’han messo a tacere (operazione per cisti ovarica, pillola per 6 anni iniziata a 16 anni, principio di enometriosi..) fino a che non ce l’ho più fatta a negarmi il Piacere e la Gioia di essere me stessa. Allora il mio utero ha gridato e mi ha rivelato i miei talenti. È arrivata la guarigione, è iniziato il viaggio di ritorno a me stessa, quella che conoscevo quand’ero bambina.
Ogni mese mi dà l’occasione di ricominciare, di purificarmi, di lasciar andare… di sanguinare.
I tempi del mio utero sono molto lenti e molte volte non coincidono con quelli dell’esterno, ma in quei giorni non maledico l’essere donna, perché questo per me non è un castigo, ma una benedizione e un privilegio.
Cullo la Luna dentro di me, abbraccio l’Universo nel calore umido del mio Sacro Tempio.

Cerva Bianca

 
 

 
 

Il mio utero rappresenta una forza enorme, una casa accogliente dove abitano i miei sogni. Rappresenta la rottura degli schemi malati della mia famiglia perché ce l'ho sano, radiante e giovane, il contrario a mia mamma e nonna che sono dovute essere "mutilate" ai 33 anni (glieli hanno tolti per fibromi ed erano contente di non mestruare più). Il mio utero è un centro di piacere che ho scoperto consapevolmente da poco tempo, anche se avevo una profonda connessione, ma non sapevo quel piacere venisse da lì. È un vortice d'amore, di salute, uno spazio che non è mai vuoto perché circola tanta energia; è sano, è il focolare del mio tempio e quello che mi indica quando le mie emozioni non stanno bene. È il libro che contiene tutto il mio akasha, e chissà se sia la culla di una nuova vita quando mi sentirò pronta, che darà un nuovo dna e che trasmetterà tanta luce. È il punto di connessione con la Grande Madre, lo amo profondamente perché l'ho scoperto e conosciuto come tutti gli aspetti di me che non mi hanno mai insegnato a guardare.

Gisela Guru Atma

 
 

   

Uterus, Matris, Uterasi, Makta.
La mia coscienza, il mio grembo, la mia matrice.
Morbida, accogliente, umida, ringrazio.
Benedetto il nostro calice capiente di vita.

Zaira Scumini

 
 

   

Il mio utero è una culla: culla della vita, culla di progetti e di sogni, speranze e desideri, culla del Fuoco che accende il fuoco, Culla nutrimento, che cura e contiene, come la Terra, culla dove i semi sono piantati di diversi bambini. Alberi, progetti, idee, sogni, gli esseri umani, le scorte. Il mio utero è un cuneo.

Jimena Julia Camargo

 
immagine Gloria Lizano López

   

Il mio utero è un fiore che accoglie mille fiori. Il mio utero ha accolto e poi ha dato libertà. Il mio utero non ha accolto e poi, comunque, ha dato la libertà.

Teresa Marsicano

 
immagine Julia Larotonda

 
 

Il mio Utero è il mio Regno....Regina inviolata di me stessa...assaporo i ritmi naturali sussurrando il mio amore verso lui...cm se fosse il mio eterno amante...pulso all'unisono senza smettere mai di vibrare con l energia della Grande Madre Terra... ascolto le maree nel mio corpo, scivolo dolcemente su esso per aiutarlo quando la ritenzione idrica mi avvisa che il ciclo arriva e mi richiudo ad onorarlo nel mio sacro intimo spazio per lavorare su le cose che ancora desidero migliorare in me...gioisco quando arriva quel impulso sodo e divino dell'ovulazione che mi rende bellissima e scopro l invitante rotondità del mio corpo, dei miei seni che invitano alla vita...alla fusione dei sensi, alla sacra meraviglia naturale dell'Amore... vivo con lui senza sosta giorno per giorno, ringraziandolo e danzando in onore al mio essere Strega e non solo da questa, ma da innumerevole vite... il filo invisibile che ci ricorda e ci nutre donandoci i nostri antichi segreti... di essere Donne dall'alba alla fine dei tempi... onorata e grata di essere donna e auguro a me come a voi tanta meravigliosa salute... nella nostra sorgente magica - il nostro UTERO - SALUTE E BENEDIZIONI A ME A TE... A NOI TUTTE...

True (magickiss)

 
 

   

Il mio utero non esiste più, è stato travolto dalle vicissitudini della vita. Per molto tempo mi sono sentita mutilata finchè non ho compreso che abbiamo un utero eterico che non espleta più le funzioni fisiche ma quelle emozionali si. Il mio centro intuitivo, il caldo focolare femminile è intatto nel mio essere.

Ombretta Corradi

 
immagine Gloria Lizano Lopez

   

Il mio utero funziona e questo mi rende felice.

Daniela Battisti

 
immagine Gloria Lizano Lopez

   

Il mio utero è suggeritore di sapienza, cenacolo di fantasie e guida ancestrale. Se ascolto ciò che carpisce, intuisco sfumature e dettagli. Da lui provengono mille figli, che sono le idee che possono salvare il Grande Utero, cioè nostra Madre Terra.

Rita La Marca

 
immagine Gloria Lizano Lopez

   

Un athanor.

Marcella Matelli

 
immagine https://demeterypersefone.blogspot.it/

    Il mio Utero è.
Tenebra e Vita.

Dianara Lunae

 
immagine https://www.visionealchemica.com/

    Il mio utero ora è nascosto, quasi dimenticato...o sta mutando... non lo so...

Laura Rubiola

 
immagine https://lapalabrachamanica.blogspot.it/

    Il "Calice", "Vaso" o "Coppa", Femminile, nicchia scavata scavate nella roccia, Vaso, il Cuore, il Santo Graal, il Pozzo, la Sorgente, lo specchio d’acqua, la caverna, il "vas-uterus" alchemico dal quale nasce il Bimbo Divino, il "filius philosophorum" (il "figlio dei filosofi"), il Mercurio dei Filosofi. Il nostro, Il mio "Vaso Spirituale". Origine e Fiamma di Vita, l'Origine e la Fine, la Sacra Accoglienza...

Rossella Aurora Spinuzza

 
immagine Colectiva Menstruarte

    Il mio utero sono io... lo immagino,anzi lo vedo,rosa dolce tenero accogliente e caldo ma anche forte elastico nervoso e incredibilmente versatile.

Carmen Grillo

 
immagine Emily F. Balivet

    Il mio utero è un vaso di miele in cui tutto cresce e germoglia, il luogo dove alberga la felicità e il senso delle cose, il luogo dove ritrovo le altre donne e condivido i miei frutti con i loro.
Per il mio bambino è " la lana" in cui lui stava al calduccio...

Cristina

 
immagine Gloria Lizano López

    Un Sacro Graal della accoglienza, della trasformazione, della Sacralità femminile. Un Tempio delle Energie che creano e co-creano L'universo.

Olena Ivanyuk

 
 

   

MAREA

Tu sei
lembo di tempo scarlatto
tra le sacre spire delle generazioni.
Tu sei ossa
ricomposte a nuova vita,
confessione d'ocra rossa
fiorita
sul muro
mentre il tamburo
mete radici
nel tuo incostante
mostrarti e svanire.
Dal grembo di storie
memorie
madri,
spazio ingombro di semi
e vulcani,
tu versi l'acqua
che accende
i melograni
e, quando balli il tuo fuoco
tra gli ulivi,
tu balli per me, sorella.

Tra i capelli intrecci
uragani,
gioielli primitivi,
al novilunio cambi pelle
e dal fiume peschi
piume
e pietre
come fosse il fondo del paiolo
che ribolle
per nutrire il mondo.
Ti appartiene
la conoscenza
della tenerezza e dell'onnipotenza.
Nascono e muoiono
in te
l'una e l'altra marea,
come una danza
e io come te,
figlia di dea,
mai negherò
il dono
e la condanna,
la luce il buio il nulla
e l'abbondanza
del ripetersi immutabile
della sorellanza.

Elisa Monardo (Femminile Plurale)

 
 



Parole di Pancia continua con altre meravigliose immagini e parole alla prossima pagina...



Il progetto è sempre aperto: se desideri partecipare puoi inviare le tue parole a: anna@ilcerchiodellaluna.it, le pubblicheremo quanto prima in queste pagine.


_____________________________________________
*Il Progetto "Parole di Pancia: Parole dal Sacro Utero"
è stato proposto da Emanuela Pacifici sulla pagina FaceBook "nel nome della Madre" il 4 novembre 2012.
Vi hanno aderito 65 fra donne e uomini.
E' stato pubblicato sul sito del Il Cerchio della Luna nel novembre 2012, con il permesso delle/dei partecipanti al progetto.
Web Design a cura di Anna Pirera. Ricerca immagini a cura di di Emanuela Pacifici
Per la pubblicazione, è necessario chiedere permesso.















 

Il Cerchio della Luna è anche su Facebook: vieni a trovarci!





Vuoi essere periodicamente informato delle novità sul sito e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente il nostro calendario lunare in omaggio.


Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   


Questa è una pagina protetta dalle copiature.
Abbiamo deciso di tutelare così le nostre pagine, originali e non, dall'uso scorretto su altri siti.
Il Cerchio della Luna non è contrario a cedere i suoi testi originali, purché non vengano smembrati e ne vengano citati gli autori, le fonti e la bibliografia… così come riportati in queste pagine.
Dunque, se vi interessa un nostro testo o una nostra ricerca originale, non esitate a scriverci chiedendoci un’autorizzazione e comunicandoci per quale uso vi serve, dove lo vorreste pubblicare e formulando l’impegno ad una corretta citazione.
L’indirizzo è: info@ilcerchiodellaluna.it