Femminile
Parole e versi che ci hanno ispirato nel mondo del femminile


Del riflesso di Atena

Del riflesso di Atena
Splendono
I tuoi occhi
Verdeazzurri
Quando,
Con rapido lampo,
Trafiggi
Indifeso
Chi si espone
Al tuo sguardo

Del tuo pensiero
Non è facile cogliere
L'origine prima
E fino a che punto
Sa fendere
Il manto della notte.

E certo dal padre
Ti viene la cuspide affilata
Del tuo giudizio
E l'implacabile
Sete
di scontro
E di vittoria.

Ma certo si inganna
Chi di Afrodite
La grazia e il potere
Non sa vedere
Quando si schiudono
come fichi maturi
Le tue umide labbra
E gli occhi si allentano
Al richiamo di Eros

Dei giochi amorosi
fremono
I tuoi fianchi
Inesausti
E ad assalti infiniti
Di onde sonore
Si offrono ampie
Le chiare sabbie
Dei tuoi turgidi seni

Ma di Era sovrana
Non sfugga
il potere e l'incanto
Nelle tue bianche braccia
Che voluttuose avvolgono
E stringono
in vincoli sacri
Funesti
se, incauto,
volessi tradirli

Di Era
Il portamento
non puoi smentire
se anche volessi
quando
con un gesto misurato ed ampio
incedi e ti siedi
e tutti si volgono
- anche non conoscendoti -
a chiedere chi tu sia

Ma le natiche
strette e scattanti
non trascurare.
e di Artemide
Indomita
non ti sfugga
L'indole selvaggia
L'adolescente disprezzo
per ogni capestro

E bada
di non voler cacciare
Colei
da cui saresti cacciato
Le sue fughe
inoltre
improvvise
non ti colgano
impreparato
perché già lontana
tra i boschi
è Colei
che adesso, ancora,
avevi al tuo fianco.

Di Ecate antica,
riverbera un'eco
quando
- nella notte più fonda -
ti cerco
per vedere lontano
dove partono strade
che divergono al bivio
e stretto alla gola
dal dubbio che incalza
levo la voce
al tuo intatto silenzio

E di Persefone, ancora,
non eludere il tratto
Quando
Rapita
Da neri
cavalli furiosi
inghiotte
il regno inaccessibile
di ombre incorporee
e di remoti fantasmi

Ma, come Euridice,
sa cogliere il canto
del poeta divino
che a rischio
della sua stessa vita
osò scendere
al regno dell'Ombra
al suono
di una limpida corda
di una luce sottile

A questa donna
A questa vera donna
intreccio di dee
Accostati
Con animo grato
E non senza timore
Perché violente e terribili
come tenere e dolci
sono le forze
che abitano
i suoi recessi
e si distendono
sulle membra odorose

E non ti avvenga,
come a Paride incauto,
di scegliere
l'una
senza onorare
le altre
se in danni funesti
non vuoi incorrere
e che dolgano
al solo narrarli



Testo poetico di di Omericchio
pubblicato per il www.ilcerchiodellaluna.it nel luglio 2009

 

 





 

 

Il Cerchio della Luna è anche su Facebook: vieni a trovarci!





Vuoi essere periodicamente informato delle novità sul sito e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente il nostro calendario lunare in omaggio.


Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   


Questa è una pagina protetta dalle copiature.
Abbiamo deciso di tutelare così le nostre pagine, originali e non, dall'uso scorretto su altri siti.
Il Cerchio della Luna non è contrario a cedere i suoi testi originali, purché non vengano smembrati e ne vengano citati gli autori, le fonti e la bibliografia… così come riportati in queste pagine.
Dunque, se vi interessa un nostro testo o una nostra ricerca originale, non esitate a scriverci chiedendoci un’autorizzazione e comunicandoci per quale uso vi serve, dove lo vorreste pubblicare e formulando l’impegno ad una corretta citazione.
L’indirizzo è: info@ilcerchiodellaluna.it