La Luna
Simbolismo, miti, archetipi, significati e influenze

La Luna e i ritmi della Vita

di Anna Pirera

  La luna e le sue fasi, la crescita, la pienezza, la decrescita, l’assenza, il nascondersi, rappresentano un archetipo ricchissimo e complesso, il simbolo di tutto ciò che è ciclico,di tutto ciò che è vita è per sua natura ha un ritmo che si ripete, come il nostro respiro... Non vi è nulla che sia vivo e non obbedisca alla legge del ciclo...

Se facciamo attenzione, possiamo sentire nel nostro respiro lo stesso ritmo, lo stesso ciclo: l’aria entra e i polmoni si riempiono, si espandono, finchè si raggiunge l’apice, il pieno, e poi l’aria ne esce, il petto si sgonfia, fino a quando i polmoni sono vuoti, per poi ricominciare…

A livello simbolico, si sono spesi fiumi di parole e scritti libri e libri sul tema della luna e dei suoi cicli, (tutto il nostro sito, il Cerchio della Luna, è dedicato all'esplorazione del mondo della luna e la sezione "luna" in particolare).

Io qui vorrei entrare in questo ritmo della luna, e capire come funziona, come si dispiega, come si muovono in esso le nostre energie e quelle del mondo cui apparteniamo.


La Luna e la Natura
La luna governa molti aspetti del mondo naturale, di cui le maree sono il fenomeno più noto e visibile (alle nostre latitudini la marea è già ben riconoscibile, ma più si sale verso il nord, più il fenomeno diventa sensibile. Nel nord europa si arriva a cicli in cui il dislivello che il mare copre fra la basa e l’alta marea è di 13 metri, l’altezza di un palazzo di 4 piani! E le acque sono in continuo moto, e generano correnti fortissime, come torrenti in corsa…) La luna influenza tutte le acque, ma non solo... Fa germogliare i semi (I raggi della luna, a differenza di quelli del sole, penetrano diversi centimetri nel terreno stimolando la germinazione), ululare I lupi...
E il ciclo lunare muove tutto ciò che vive secondo un ritmo preciso, un ‘respiro’ della madre terra, come l’antica saggezza contadina sa da sempre.
Come si muovono le energie nel ciclo delle piante?

   

Nel mondo vegetale, con la luna crescente tutte le energie delle piante vanno verso l'altro, verso steli, rami, foglie e fiori, che si allungano, si espandono, si aprono.
Con la luna piena si raggiunge l’apice, i fiori sono più profumati, le erbe medicinali contengono nelle foglie il massimo dei loro principi attivi, gli steli svettano verso l'alto. Poi, dolcemente, il cambio di direzione.
Con la fase calante le energie delle piante scendono verso il basso, verso le radici, che si allungano nella terra, ramificano e si espandono. I contadini sanno bene che in quel periodo le radici sono più sensibili, è più facile ferirle…
Infine si arriva alla luna nera, e le energie cambiano nuovamente direzione, questa volta più rapidamente, improvvisamente.

La pulsazione è fra alto e basso, fra cielo e terra. Crescita e decrescita della luna sono nel mondo vegetale direzioni, non corrispondono ad aumento e diminuzione. O perlomeno, si riferiscono ad aumento e diminuzione solo di ciò che è visibile (sopra la terra), mentre resta celato il moto di crescita che avviene sottoterra, il moto invisibile...

Gli esseri umani, la donna
Anche noi, come ogni vivente, entriamo nel ritmo ciclico della luna, partecipiamo al respiro della terra:
Il ciclo delle energie umane in rapporto alla luna si dispiega così:

   


Nella fase della luna crescente, le energie umane hanno un movimento centripeto, vanno verso l'interno. E’ una fase di assorbimento, di assimilazione. Chi lavora con i rimedi naturali sa che in questa fase c’è un migliore ricettività verso tutto ciò che è nutriente.
Poi questa sensibilità giunge al suo apice, con la luna piena, e anche le energie più sottili diventano percepibili. Lì c’è un momento di sosta, c’è lo spazio del sostenere. Poi le energie, dolcemente, invertono il loro corso.
Nella fase della luna calante, le energie vanno verso l'esterno, in moto centrifugo. E’ il periodo dell’azione e della depurazione. Il momento adatto per i trattamenti purificatori, per le diete dimagranti…
E infine, con la luna nera, il cambio di direzione, ancora una volta più deciso, improvviso.

Come lungo il ritmo del respiro, la fase crescente è un momento in cui la direzione è quella dell’apertura e della ricezione, mentre quella calante è il momento dell’andare verso l’esterno, dell’azione e dello sforzo (se ci fate caso, gli sforzi fisici riescono meglio durante l’espirazione, come insegnano bene nei corsi pre-parto…).

  Se consideriamo il respiro della terra di cui abbiamo parlato e cui partecipiamo, ci rendiamo conto come l’alternanza di energie centripete/centrifughe si integri con il moto verso l’alto/verso il basso; in questo modo nella fase di assorbimento si aprono le connessioni con il mondo del cielo, mentre nella fase di azione sono più forti quelle con il mondo della terra.

la figura ci mostra sinteticamente cosa accade se consideriamo entrambi i ritmi, i respiri:

Nella fase di accrescimento possiamo sentire più facilmente le ‘voci degli angeli’ e portarle dentro di noi; c'è apertura, assimilazione e poco discriminare, discernere.

Nella fase centrifuga le energie che vanno verso l’esterno hanno origine dal profondo di noi stesse, dai luoghi meno visibili. C'è poca apertura, più discriminazione, discernimento e il dare forma per esprimere.


E il ciclo della vita e della morte?
In molti luoghi si associa il ciclo lunare al ciclo vita/morte.
Una cosa molto importante da capire è invece che I cicli e I ritmi hanno a che vedere con le direzioni che prendono le energie.

Mi spiego: l'energia, si sa, si conserva.
L'assenza, la luna nera, che culturalmente è stata talvolta interpretata come morte, è un passaggio, un punto in cui l'energia inverte la sua direzione.
Dal punto di vista del movimento, sia la pienezza che il vuoto sono punti 'morti'. Anche il pieno è un passaggio in cui la direzione, prima di invertirsi, è nulla. Per chi ha una formazione matematica è evidente che anche il pieno è un punto della curva a derivata zero.
Il modo forse più semplice di ‘sentire’ ciò, è sperimentarlo nel ciclo del respiro, dove sia a polmoni pieni che vuoti può essere naturale avere un momento di 'sospensione', di apnea.

Cosa c'entra dunque la morte? In una cultura come la nostra, in cui la morte è temuta, negata, nascosta, è una domanda importante, perché ci parla della dinamica della paura, la paura di morire che per ognuno di noi si accompagna al momento del vuoto assai più che a quello del pieno.
La luna, si sa, è sempre nel cielo. Nelle notti di cielo sgombro e di luna 'nera' ciò che scompare è la sua luce, mentre il suo disco nero è chiaramente stagliato nel cielo. Visibile a noi come agli antichi.

E’ davvero raro trovare nelle antiche cosmogonie la luna nera associata ad una dea o dio che in quella fase muore. La morte coglie ciò che la circonda, che viene privato della sua luce. L’occultamento, semmai, è il matrimonio, lo hyerogamos fra la luna e il sole (infatti la luna ci appare ‘nera’ quando è congiunta al sole, sta cioè sulla linea fra noi e il sole)
La luna, come il sole, appare scomparire nella maggior parte dei miti solo in riferimento al suo moto giornaliero, al suo sorgere e tramontare, e non in riferimento al suo moto mensile, alle sue fasi.
E voglio ricordare che la Gimbustas ha mostrato che il il nero, nel paleolitico e nel neolitico, è il colore della fertilità, positivo. Il colore della morte è il bianco.

Io credo che sia importante, e vedremo poi anche quanto, soprattutto per noi donne, fare un distinzione e renderci conto che è il ciclo del sole a determinare il ciclo vita/morte.
E' il principio maschile che nasce, cresce, invecchia e poi muore, come il re dell'anno e gli antichi dei della vegetazione: Attis, Tammuz, Damuzi, per giungere fino a Cristo.

La Dea, la Luna, principio femminile, sembra legata ad un altro tipo di moto, la pulsazione verso l'alto/verso il basso, come nelle dee Inanna, Ishtar, Iside, Persefone e tutte le dee che viaggiano dal mondo sotterraneo a quello terrestre. La Dea è sempre giovane: tutte le dee trine* sono invariabilmente rappresentate con tre volti uguali per età. La Dea non muore mai e instancabilmente dà origine alla nuova vita dopo aver riaccolto in sè la vecchia.
Conosce il mondo ctonio come quello celeste, le energie del profondo e quelle invisibili.
E’ fonte di vita e di morte in tutto ciò che è vivo. Di ogni cosa è principio e fine…

Il ciclo femmminile

Ma torniamo noi, al nostro mondo femminile, e vediamo cosa accade in quel moto ciclico che ci rende così chiaramente ‘figlie della luna’, il ciclo mestruale.
Anche sulle energie del ciclo femminile molto si è scritto, perché in esso, in un certo senso, si muove ‘il mondo’ per il femminile (e trovate alcuni dei temi più importanti nelle pagine ad esso dedicate sul nostro sito)

   

Nella prima figura a sx potete vedere i principali momenti del ciclo ovarico: la formazione dell’uovo nel follicolo, la sua espulsione (ovulazione) e l'evolvere del corpo luteo. (per una descrizione dettagliata del ciclo mestruale, vedi l'articolo 'fisiologia del ciclo')

La seconda figura mostra l’alternarsi lungo il ciclo dei due importantissimi ormoni estrogeno e progesterone:
L’estrogeno (linea azzurra) cresce lungo la prima fase, ha un picco subito prima dell’ovulazione e in seguito decresce, con un’onda.

Una delle funzioni dell'estrogeno, che corrisponde alla fase dell'estro negli animali, è suscitare attrazione nell’uomo, segnalare nella relazione il momento fertile.
Il progesterone (linea rossa), d’altro canto, governa la seconda fase del ciclo mestruale. E’ l’ormone che io chiamo della ‘preparazione del nido’, che determina, fra le altre cose, l’ispessimento delle mucose e il loro predisporsi all’eventuale impianto dell’ovulo fecondato.
Come ogni madre sa, la ‘preparazione del nido’ è una fase che implica parecchia azione, è un ‘fare’.

I due ormoni rappresentano così le due facce dell'archetipo della accoglienza, così centrale nel femminile.
C’è un’accoglienza che è apertura, essere pronte, aperte a, come nell’ovulazione, e un’accoglienza che è un fare, il 'fare nido', appunto, come in quelle donne che ti accolgono nella loro casa, ti avvolgono e si prendono cura.
Un’accoglienza che è possibilità e una che è avere cura.
Come possiamo accogliere l’altro nel nostro cuore facendo spazio per lui e avvolgendovelo, tenendolo.

Il momento del fiore e quello del frutto
Forse qui un grande equivoco ha attraversato molta parte della letteratura sull'argomento, che ha seguito, senza rendersene conto, l'inversione operata dalle culture patriarcali rispetto al valore del ciclo femminile, associando il momento dell'ovulazione a quello della maternità.
Dopotutto è evidente che in natura l'ovulazione è il momento del fiore...
E se la smettessimo di considerare il momento dell'ovulazione come quello dei frutti? Il momento dei frutti, quello in cui ciò che era da dare viene dato è il momento del sangue, non a caso il frutto, come archetipo, è rosso...
Ed è nel momento del frutto che appare il flusso rosso o, più avanti nel tempo, un bambino, rosso di sangue come tutti i neonati...

Il momento del sangue
Così è di vitale importanza per noi donne ricordare com’era prima dell’era patriarcale, prima dell’idea che la donna sia l’incarnazione degli istinti più bassi, prima che il sangue mestruale fosse visto come portatore di morte, come ciò che dissecca le piante, come sterilità, era evidente a tutti che il sangue mestruale è sangue di vita, non di morte**. E le antiche tradizioni ci insegnano che è un ottimo fertilizzante per le piante. La fertilità della terra era assicurata, nei riti primaverili, dal passaggio delle donne col ciclo che ne risvegliavano il potere generativo attraverso le gocce di sangue che rendevano la terra feconda.

La Dea nel suo volto di generatrice e madre era rossa, come rossa era l’ocra che tingeva gli spazi e le figure sacre.
La donna è fertile finché c’è sangue ed era evidente per gli antichi che era il sangue l’essenza della vita, tanto è vero che, scomparso il sangue, dopo 10 lune appariva un bambino. I bambini dunque erano fatti di sangue e il mistero sacro - origine di ogni religione - era la trasformazione del sangue in vita che si opera nel corpo femminile***.
In molte antiche cosmologie la razza umana viene creata non dallo sputo e l’argilla cui il cristianesimo ci ha abituati, bensì dall’argilla e dal sangue, ad opera della Dea.
E prima che vi sia sangue, nel tempo dell’infanzia, non vi è fertilità e quando non c’è più sangue, con la menopausa, cessa anche la fertilità.

Quanto abbiamo dimenticato è dunque che il sangue mestruale, in quanto essenzialmente un sangue di vita, non ha nulla, davvero nulla a che vedere con il sangue di morte delle guerre dei popoli guidati da uomini.

Gestire le energie
Noi viviamo in una cultura e una società ove non c’è alcuna educazione, per le donne, su come funziona il nostro ciclo – talvolta una vaga infarinatura ‘scientifica’ e poi sappiamo che ci nascono i bambini…
Nessuno ci ha insegnato come si muovono le energie lungo il ciclo, e cosa farne.

La cosiddetta ‘sindrome ‘premestruale’, nei suoi aspetti fisici – di dolore – ed emotivi – di nervosismo e rabbia, ad es. - viene considerata ‘normale’, ben pochi si interrogano sul perché molte donne ne soffrano.

Ora, la fase premestruale, da quanto abbiamo visto finora, è una fase caratterizzata da:

a) energia centripeta – quindi ‘molta’ energia, disponibile per fare, per esprimere, per espellere.
b) energia che sgorga dal profondo di noi – che fa emergere quanto è normalmente nascosto. Un’energia molto, molto creativa.
c) collegamento con la terra, con la concretezza: portata ad un creare e un fare nel concreto.
d) chiusura nei confronti del mondo e dell’altro da noi: un momento in cui siamo assai poco disponibili all’accoglienza del tipo apertura.

Molte di noi conoscono un piccolo trucco: in fase premestruale un’attività che ben si ‘concilia’ sono le grandi pulizie, e da quanto detto finora risulta facile da comprendere: attività fisica; uso dell’acqua (la luna…); espellere, pulire, purificare (come fuori, così dentro: quando lo facciamo fuori di noi è come farlo anche dentro di noi)
In questo modo il picco di energie viene incanalato, e magari ci evitiamo di litigare col marito, col compagno, con i colleghi…
Stiamo dicendo che il modo di gestire la sindrome premestruale sono le grandi pulizie? Naturalmente no!!!
C’è ben altro uso che possiamo fare delle nostre energie creative in quel momento! Solo che nessuno ce lo ha insegnato.
Ci hanno al contario insegnato che sta per arrivare un momento difficile, doloroso magari, ingombrante…

In tutte le tradizioni magiche si sa che il momento del massimo potere è quello della luna nera, il giorno prima della luna nuova, il momento in cui ogni magia può sortire il suo massimo effetto – come pure prendere una direzione opposta al nostro volere!

I cicli si incontrano…
Che succede nell’incontro dei nostri cicli individuali con il ciclo, il respiro lunare della terra? Ci sono mille possibilità, perché il nostro ciclo per la maggior parte del tempo si sposta rispetto alla luna, creando ogni volta un diverso rapporto. Due possibilità rappresentano i due poli 'attrattivi', in quanto statisticamente il ciclo femminile si orienta più spesso lungo questo asse che non nelle possibiltà intermedie.

   

Nella figura più a sinistra, i cicli si allineano, le oscillazioni si amplificano… massima fertilità, massima variabilità, massima vulnerabilità, forse…

La figura qui accanto mostra invece lo schema dei cicli sfasati di 180°: le oscillazioni si compensano, le energie si incrociano e vanno in direzioni diverse, può esserci maggiore stabilità come un tirare di forze in contrasto…

E poi, come abbiamo detto, tutte le possibilità intermedie…

La luna natale
A completare il quadro dei 'ritmi della luna' interviene infine la nostra luna natale, con i suoi colori, la fase in cui era al momento della nascita, che solitamente ci rende 'amiche' dell'energia ad essa associata (anche se, naturalmente, ciò dipende dai rapporti che la nostra luna ha con il resto del nostro cielo natale).

Dall’incrocio e dalla danza di questi aspetti sorge, in ognuna di noi, il nostro essere unica e irripetibile nel suo femminile.

Conclusioni
Se vogliamo davvero tornare ad un modo più naturale di vivere, in cui noi donne possiamo riacquistare anche il nostro, di ‘respiro’, è importante ritornare ad essere consapevoli di tutto ciò, per poterlo trasmettere a chi verrà dopo di noi.
Per noi donne, oggi, sarà un viaggio magari lungo, perché cerchiamo di riaprire una pista in parte cancellata dal tempo. Ma essa è inscritta dentro di noi e ripercorrendola abbiamo anche la possibilità di ritrovare noi stesse più nel profondo, in quel saper che da sempre diciamo che è custodito dentro, nel corpo, nelle cellule, nel sentire istintivo, e che va solo risvegliato, riscoperto.
E lo facciamo per noi e anche per loro, per le nostre figlie e per tutte le donne che vengono dopo di noi…

Nel Cerchio della Luna
Nel Cerchio della Luna lavoriamo da diversi anni (il sito è online dal 2002) su questo tema e fin dalla nostra prima comparsa in rete abbiamo proposto il calendario lunare mensile come uno strumento importante per il risveglio delle profonde energie femminili.
Abbiamo approfondito i temi del ciclo lunare e del ciclo femminile pubblicando strumenti di lavoro esperienziale - perché siamo fermamente convinte che nessun cambiamento autentico possa accadere solo a livello mentale - e in particolare le bellissime meditazioni della luna e il diario del ciclo.

Nel corso degli anni, abbiamo costruito un percorso su questi temi, articolato in:

Gruppo settimanale
, un ciclo di incontri, a moduli di 4, condotti da Anna a Milano. in cui percorrere insieme le fasi del ciclo e quelle della luna.
Un lavoro specifico per sole donne sul tema delle mestruazioni e delle diverse energie che in ogni fase si attivano, nonché sul nostro modo, unico ed individuale, di viverle

Seminari esperienziali, che periodicamente proponiamo, due giorni di lavoro di gruppo per sentire nella nostra pelle, nelle nostre emozioni ed esprimere creativamente i ritmi del femminile.
La creatività, la danza, la meditazione guidata, la condivisone delle esperienze sono qui i nostri principali strumenti di lavoro.

Il tema natale, a cura di Manuela, che ad ognuna parla del suo femminile e della sua luna in rapporto a tutti gli aspetti dell’esistenza.

Il Counselling al femminile, un percorso personale, condotto da Anna a Milano e Busto Arsizio e da Emanuela a Pisa, in sessioni individividuali di counseling, rivolto a chi desidera conoscere e approfondire i suoi nodi personali in rapporto al femminile e/o comprendere e affrontare eventuali problematiche relative al ciclo mestruale.

_______________________________

* Un'analisi della dea trina, che viene in molti luoghi 'naturalmente' associata alle fasi lunari, pone ad un occhio attento diversi interrogativi:
Innanzitutto è 'trina', mentre le fasi lunari sono chiaramente quattro. Questa discrepanza è stata enfatizzata fra le altre da Jutta Voss, che ha proposto che la dea trina, più che associata alle fasi lunari, vada associata alle fasi del ciclo del sangue mestrulae, a suo parere archetipo bio-psichico della figura della Dea.
Da notare che lungo paleolitico e neolitico le fasi lunari sono per lo più rappresentatate da gruppi di 4 segni, come nei numerosi esempi portati dalla Gimbutas, e solo più raramente dalla nota figura a tre segni )O(.
In secondo luogo, è relativamente recente. A parte qualche isolata testimonianza, la dea trina comincia ad apparire nei pantheon mitici solo nell'ultima fase del neolitico e nelle fasi della storia posteriori, dal 1.500 a.C. circa in poi. Prima, è assai più frequente la rappresentazione della dea doppia.
In terzo luogo, come già citato, la dea dal triplice volto è quasi sempre raffigurata con tre volti di pari età, perlopiù quella di una donna nel fiore degli anni.
Resta quindi un dubbio se l'associazione della dea trina con i tre volti della dea non sia una interpretazione molto più recente e la sua popolarità non sia dovuta all'importanza che tale raffigurazione ha preso nella wicca contemporanea.

**Da legger assolutamente, sulla sacralità del sangue femminile e sui riti di celebrazione del menarca, il primo sangue, l'articolo di Violet "I sacri riti del sangue femminile"

**In alcune culture contemporanee che hanno conservato antiche radici si sa ancora qualcosa di questo. In India, ad esempio, un mito racconta che Brahma taglia dei pezzi della Dea Sati, il cui corpo senza vita era portato da Shiva… e uno di essi, la vulva, cade a Kamakya, Assam, dove la yoni è venerata da millenni. Lì vi è una roccia a forma di vulva con una fenditura sempre umida.
Dalla vulva della dea scorre lo yoni-tattva, il liquido divino. Ci sono rappresentazioni della dea Devi o Kali sdraiata a gambe spalancate…
Una volta all’anno la pietra si colora di rosso, all’inizio dei monsoni. E’ il sacro ciclo della Dea.
Nei testi tantrici si parla di cibo-sangue, oggetto di venerazione e ritenuto curativo e dotato di potere magico.



© 2008 di Anna Pirera per il Cerchio della Luna
inserito nel sito www.ilcerchiodellaluna.it nell'aprile 2008.

Bibliografia essenziale:
Paungger - Poppe, Servisrsi della luna, Tea ed.
Paungger - Poppe, Salute e benesser in armonia con la luna, Tea ed.
Gray M., Luna rossa, Macro ed.
A. Pope, Mestruazioni, aam ed. 2007
Voss J., La luna nera, Red
M. Gimbutas, Il Linguaggio della Dea, Neri Pozza

Immagini:
Innana di Lusa Hunt
Elaborazione illustrazioni di Anna Pirera







 



Vuoi essere periodicamente informato delle novità sul sito del Cerchio della Luna e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente i nostri calendari lunari in omaggio.



Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   




Questa è una pagina protetta dalle copiature.
Abbiamo deciso di tutelare così le nostre pagine, originali e non, dall'uso scorretto su altri siti.
Il Cerchio della Luna non è contrario a cedere i suoi testi originali, purché non vengano smembrati e ne vengano citati gli autori, le fonti e la bibliografia… così come riportati in queste pagine.
Dunque, se vi interessa un nostro testo o una nostra ricerca originale, non esitate a scriverci chiedendoci un’autorizzazione e comunicandoci per quale uso vi serve, dove lo vorreste pubblicare e formulando l’impegno ad una corretta citazione.
L’indirizzo è: info@ilcerchiodellaluna.it