Galleria delle Dee                                 
Incontrare le Dee attraverso storia, mito, immagini e racconti

Dee polacche: Zywia e Swetawa
Leggenda raccolta da Drusilla del Fael




Ninfee da http://www.ilcircolino.it/lagodivarese/immagini/lg_ninfee.jpg


Il tema di Zywia e Svetazwa riprende il mito greco del rapimento di Persefone, o Proserpina, per opera di Plutone, re degli Inferi; ma la vicenda presenta, come vedrete, nuovi elementi; alcuni riecheggiano la leggenda beotica di Tespie e quella alessandrina del giovane Narciso che, stando sulla sponda della sorgente, piega il capo verso l'acqua fino a vedervi riflessa la propria immagine finché muore e vi cade, altri sembrano precursori di una religiosità cristiana, come il fatto che la fanciulla voglia rimanere negli Inferi per consolare i tristi abitatori del mondo sotterraneo (proprio come Gesù Cristo si sacrificherà, facendosi crocefiggere, per salvare le persone dal peccato).
Il fiore del narciso e nel caso slavo, invece, quello della ninfea possiedono un'acuta fragranza che è in grado di stordire. La ninfea compare frequentemente nei culti slavi precristiani, specialmente in rapporto alla morte e all'oltretomba.

Il mito
In un’epoca remotissima delle bianche ninfee, in cima ai loro flessibili steli che l’acqua faceva dondolare, fissavano con sguardo di rimprovero il cielo, dove gli dei indifferenti se ne stavano beati.

Un giorno esse riuscirono a suscitare l’interesse di Swetawa, la figlia di Zywia, dea della vita.
La fanciulla, ammirando le bianche corolle che si muovevano dolcemente sulle acque di un lago, disse alla madre: “Voglio quei fiori!”.

Zywia le fece notare che non avevano né colore, né profumo e che sarebbe stato pericoloso coglierli perché affondavano i loro steli nel regno della morte, sulla quale essa non aveva alcun potere.
Ma Swetawa insistette: “Voglio quei fiori. Voglio scendere sulla terra e toccarli con le mie mani.”
“Non ci pensare nemmeno, figlia mia!” tentò di dissuaderla la madre: “La terra è un luogo dominato dal dolore. Non vedi quegli esseri miserabili che si chiamano uomini? Sono esposti a mille pericoli e stanno immersi nelle tenebre e nel gelo per la metà del tempo…Che ci faresti tu laggiù, che sei la figlia della luce?”

Mentre la dea Zywia così parlava, Swetawa osservava la terra con più attenzione, più la guardava, più sentiva il suo cuore stringersi per la pena: quegli uomini avevano fame e sete; erano minacciati da animali feroci, da fiumi e da paludi che straripavano e li inghiottivano; tormentati dal freddo e bruciati dal sole, dalle malattie e dalla morte.

D’un tratto una lacrima cadde dagli occhi di Swetawa; era la prima lacrima di pietà che cadde sulla terra e gli uomini provarono una sensazione di dolcezza mai provata prima.
“Tu che fai rinverdire la terra a primavera” disse la giovane dea alla madre “ perché non asciughi il pianto degli uomini?”

Zywia non comprese, anzi si lasciò travolgere dall’ira ed esplose di rabbia cacciando la figlia dal regno degli dei e mandandola in esilio sulla terra, fra gli uomini.
Swetawa cacciata dal cielo, scese sulla riva del lago e trovò i fiori che l’avevano incantata. Si chinò per raccoglierne uno, ma le ninfee, sollevate dal movimento delle onde, si allontanarono; poi tornarono e di nuovo fuggirono, come in un gioco misterioso. Swetawa rideva, rideva…riuscì infine ad afferrare una bianca corolla, ma perse l’equilibrio e cadde nel lago.

Placata l’ira, Zywia guardò sulla terra per cercare sua figlia, ma non vedendo di lei alcuna traccia provò una fitta d’angoscia. Così con il cuore sofferente abbandonò la dimora celeste e percorse la terra chiamando disperatamente la figlia, che essa stessa aveva esiliato, e chiedendo di lei a chiunque incontrasse. Ma non la trovò. Nel frattempo, dato che Zywia non governava più le stagioni gli inverni incrudelivano e il sole dell’estate bruciava la vegetazione. L’umanità era alla disperazione.

Zywia decise infine di cercare sua figlia sotto terra. Per rimuovere la grossa pietra che chiudeva l’ingresso del regno della morte, dovette chiamare in aiuto la folgore, poi penetrò nella gola buia e profonda. Camminò e camminò fin quando non si trovò di fronte ad una parete di cristallo al di là della quale vide, finalmente Swetawa.

Stava seduta immobile su un trono d’oro, in una stanza con il soffitto e le pareti di pietre preziose che scintillavano nella penombra; al centro della stanza, in una vasca di marmo, una ninfea in fiore galleggiava sull’acqua d’argento.
Zywia chiamò la figlia e al richiamo della madre la fanciulla si alzò, ma non espresse né gioia, né dolore, né sorpresa. Disse: “La dea della morte mi ha rapita mentre china sul lago coglievo le ninfee. Sono diventata la sua compagna, mi ha fatto ritrovare l’indifferenza verso gli uomini che è la virtù degli dei.”
“Come puoi tu, che sei figlia della luce vivere in quest’ombra profonda? Torna con me nel regno celeste?”
“Io sto bene così! Ho imparato a dimenticare l’ira degli dei e a ignorare il pianto degli uomini. Non senti la pace che mi circonda?”

Così Swetawa tornò a sedersi sul trono dorato e riprese la sua immobilità. Zywia, dea della vita, capì che ormai sua figlia apparteneva la mondo sotterraneo.
Risalì in superficie e per sfuggire al ricordo ossessionante di Swetawa si diede a rimettere ordine nelle stagioni e cercò di capire meglio l’umanità.

Si accostò agli uomini e insegnò loro a coltivare la terra, a costruire attrezzi da lavoro, a tessere la lana e la canapa.
Gli uomini si sentirono amati e conobbero la gioia.
Quando Zywia ritornò nel suo regno celeste, gli uomini scolpirono la sua immagine nella pietra e nel legno, raffigurandola con una corona di spighe in testa e una mela in mano.

Da allora, ogni volta che l’uomo getta il seme nella terra, nasce nel suo cuore la speranza e con essa la gioia, frutto della prima lacrima di pietà che cadde sul mondo.



Testo di Drusilla del Fael, www.ilcerchiodelllauna.it, marzo 2007

mený dee  


 Il Cerchio della Luna è anche su Facebook: vieni a trovarci!
_________________________________________________________________________________________________________

Dee e Dei, in ordine alfabetico:

Aditi,
Afrodite
,
Al-Lat,
Al-Uzza,
Amazzoni,
Anahita,
Anna Perenna
,
Anat,
Anu/Ana
Arianrhod,
Arianna,

Artemide
,
Atena
,

Arpie,

Banshee,
Benzai-ten,
Bellona,
Blodeuwedd,
Baubo
,
Bastet
 
Babd
Brigid
,

Cailleach
Cerere,
Chere
,
Cibele
,
Coventina




Dakini,
Demetra,
Durga

Ebe,
Ecate,
Eisantelechi,
Eostre,
Ereshkigal, Erinni,
Estia

Flora,
Freya,
Frigg,
Gaia,
Ganga

Gendenwita,
Gorgoni,

Hathor,
Holle,

Inanna,
Iside,
Ishtar,

Kali,
Kore,
Kwan-Yin,
Laima,
Lakshmi,
Lilith,

Macha,
Mafdet ,
Mamapacha,
Mari
Maria,
Maria Maddalena
,
Menat,
Medusa, Morrigan,
Ninfe,
Nut,

Oestara,
Oya,
Oshun
,

Pachamama,
Pele, Persefone,

Reitia,
Radha,
Rangda,

Saraswati,
Sekhmet,
Shakti,
Sophia,
Selene

Sequana

Themis

Ushas,

Valkirie,
Vesta,

Xochiquetzal,

Yemaya,

Zemyna,
Zwya

Ade
Apollo
Ares
Attis
Crono Dioniso,

Ermes
Giove Lugh
Lupercus

Marte
Mercurio
Nettuno

Pan
Plutone
Poseidone
Saturno
Urano
Zeus


____________________________________________________________________



Vuoi essere periodicamente informato delle novità
sul sito del Cerchio della Luna e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente
il nostro calendario lunare in omaggio.


Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   




____________________________________________________________________


Questa pagina del sito del Cerchio della luna è in regime di Copyleft: la riproduzione dei materiali presenti in questo sito è libera ed incoraggiata purché citando la fonte per esteso [nome del sito , dell'autore - e del traduttore - dell'articolo citato)