Galleria delle Dee                                 
Incontrare le Dee attraverso storia, mito, immagini e racconti

Gaia
La Creazione Divina
di Kris Waldherr




Immagine di Pamela Matthews

Si può avere la certezza di affermare che qualcosa è esistito prima di Gaia, la Terra?
Difficile immaginarlo, in quanto la nostra mente e i nostri sensi si intrecciano in modo irrevocabile con tutte le esperienze di vita che accumuliamo su questo pianeta. La bellezza di questo emisfero verde e azzurro, popolato da innumerevoli specie di animali, piante e altre forme di vita presenta una magnificienza tale da garantirgli rispetto e protezione.

Il mito
Gaia è il nome della Dea attraverso cui gli antichi Greci onoravano la Terra.
In base a questa credenza, Gaia, fecondo ventre cosinico scaturito dal primordiale spazio interstellare noto con l’appellativo di Caos, sarebbe esistita prima di qualsiasi altra forma di vita. Gaia ha generato il cielo, da lei battezzato Urano, affinché le tenesse compagnia e facesse l’amore con lei.

Il cielo che si protendeva al di sopra della Terra ha creato molti figli nle grande ventre di Gaia, ma Urano, temendo che la loro forza potesse essere superiore a a sua, ha proibito a Gaia di partorirli.
Nondimeno, a Cronos, il Tempo, il più forte dei suoi figli, Gaia donò una falce fatta con un materiale duro come l'acciaio e simile al diamante: con essa Cronos avrebbe reciso i genitali di Urano ponendosi all'entrata del ventre materno.
Ciò ha permesso a Gaia di creare tutti gli dèi e tutte le dee dell'antica Grecia.

Presso il celeberrimo tempio innalzato a Delfi in suo onore, si recavano le sacerdotesse che gettavano manciate di erbe sacre all'interno di un calderone, ricorrendo al fragrante fumo che ne scaturiva per invocare l'eterna saggezza di Gaia.

Rito per Gaia:
La meditazione guidata costituisce forse il rito più semplice che si possa effettuare.
Tutto ciò che vì occorre è la ricettività che vi permetta di scavare una nicchia silenziosa all'interno di voi stesse assieme alla volontà che si manifesti quanto è parte del mistero. L'uso della parola meditazione evoca spesso sofisticate tecniche di respirazione e interminabilí momenti trascorsi rimanendo seduti in scomode posizioni. Per fortuna, non deve necessariamente essere così; sovente basta chiudere gli occhi e acquietare i pensieri fino a sentire il centro del proprio essere, quell'aspetto di sé che è costante e perfetto.
La meditazione guidata è una modalità che permette di strutturare un'esperienza nell'ambito di questo spazio.

Sedetevi su un comodo giaciglio in una stanza silenziosa, dove avete la certezza di non essere disturbate.
Non sarebbe male se la stanza fosse illuminata da luci soffuse, meglio ancora se queste luci provengono dalle candele; la luce della candela delinea in maniera ottimale il passaggio dalla quotidianità a un'esistenza più primordiale, laddove l'illuminazione era assicurata dal fuoco anziché dall'elettricità.
All'interno di questa nicchia, permettetevi di dimenticare tutti i crucci e le preoccupazioni che hanno scandito la vostra giornata. Attraverso questo gesto che consiste nel distaccarsi dalla vostra consueta esistenza, avete fatto sì che il vostro spazio divenga sacro, «separato da» ogni altra cosa.

Dopo esservì accomodate all'interno della vostra sacra nicchia, date un'occhiata a ciò che vi circonda. Che cosa vedete? Potete per esempio affacciarvi alla finestra e annotare l'ora del giorno o della notte, il punto in cui si trova il sole o la luna, il periodo dell'anno, le condizioni atmosferiche. Ora chiudete gli occhi e ponetevi all'ascolto di ciò che udite. A seconda del luogo in cui abitate, potreste udire il cinguettio dì un uccellino o le voci di un gruppo di bambinì che iìocano. Se vivete in una grande città, potrete udire dei rumori di clacson o l'urlo dell'antifurto di un'automobile in sosta. A prescindere da tutto ciò, lasciate che tutti i suoni che udite comincino a sfumare non appena notate il suono del vostro respiro.

Infine, soffermatevi sulle vostre sensazioni. Il punto in cui siete sedute è rigido oppure morbido? Che tipo di sensazione vi dà il contatto della pelle con la stoffa dei vostri indumenti o con il rivestimento della sedia, della poltrona o del divano? Lasciate che anche tutte queste sensazìoni si dissolvano, a mano a mano che vi addentrate nell'essenza più profonda di voi stesse.

Ripercorrete la vicenda di Gaia. Provate a pensare alla portata di un'esperienza quale la creazione dell'universo generato dal suo ventre divino. Proprio come Gaia, la maggior pane di noi ha la capacità di creare la vita all'interno di sé.
Cercate di ricordare la prima volta che siete divenute consapevoli delle stagioni dell'anno, tutto ciò che Gaia ha creato: ricordate la vostra prima nevìcata o quella torrida notte d'estate in cui perfino la vostra pelle risultava troppo incandescente? Quando vi siete accorte per la prima volta che la vita era scissa in due parti, l'una governata dal sole e l'altra governata dalla luna e dalle stelle?
Mentre riflettete su tutto questo, considerate i cicli della nostra Terra, gli altri pianeti, il Sole e il Cosmo, e sappiate che onorandoli con la vostra attenzione, voi non sarete meno creatrici di Gaia.

Quando siete pronte, aprite gli occhi.





Tratto da La Dea Interiore, Kris Waldherr, ed. Xenia




mený dee  


 Il Cerchio della Luna è anche su Facebook: vieni a trovarci!
_________________________________________________________________________________________________________

Dee e Dei, in ordine alfabetico:

Aditi,
Afrodite
,
Al-Lat,
Al-Uzza,
Amazzoni,
Anahita,
Anna Perenna
,
Anat,
Anu/Ana
Arianrhod,
Arianna,

Artemide
,
Atena
,

Arpie,

Banshee,
Benzai-ten,
Bellona,
Blodeuwedd,
Baubo
,
Bastet
 
Babd
Brigid
,

Cailleach
Cerere,
Chere
,
Cibele
,
Coventina




Dakini,
Demetra,
Durga

Ebe,
Ecate,
Eisantelechi,
Eostre,
Ereshkigal, Erinni,
Estia

Flora,
Freya,
Frigg,
Gaia,
Ganga

Gendenwita,
Gorgoni,

Hathor,
Holle,

Inanna,
Iside,
Ishtar,

Kali,
Kore,
Kwan-Yin,
Laima,
Lakshmi,
Lilith,

Macha,
Mafdet ,
Mamapacha,
Mari
Maria,
Maria Maddalena
,
Menat,
Medusa, Morrigan,
Ninfe,
Nut,

Oestara,
Oya,
Oshun
,

Pachamama,
Pele, Persefone,

Reitia,
Radha,
Rangda,

Saraswati,
Sekhmet,
Shakti,
Sophia,
Selene

Sequana

Themis

Ushas,

Valkirie,
Vesta,

Xochiquetzal,

Yemaya,

Zemyna,
Zwya

Ade
Apollo
Ares
Attis
Crono Dioniso,

Ermes
Giove Lugh
Lupercus

Marte
Mercurio
Nettuno

Pan
Plutone
Poseidone
Saturno
Urano
Zeus


____________________________________________________________________



Vuoi essere periodicamente informato delle novità
sul sito del Cerchio della Luna e delle nostre iniziative?
Iscriviti alla mailing list, e riceverai mensilmente
il nostro calendario lunare in omaggio.


Clikkando sulla luna, puoi tornare alla   




____________________________________________________________________


Questa pagina del sito del Cerchio della luna è in regime di Copyleft: la riproduzione dei materiali presenti in questo sito è libera ed incoraggiata purché citando la fonte per esteso [nome del sito , dell'autore - e del traduttore - dell'articolo citato)